img/Foto/articolo_SO.jpg

Fra un anno esatto... Los Angeles!

Fra un anno esatto, agli «Special Olympics World Games Los Angeles 2015», appuntamento mondiale (24 luglio-2 agosto) dei giochi estivi dedicati a persone con disabilità intellettiva, ci saranno anche atleti del centro «Osmairm» di Laterza. Appuntamento prestigioso: con 7mila partecipanti in rappresentanza di 170 paesi, più di tremila coach, trentamila volontari al seguito e mezzo milione di spettatori previsti, i «World Games» saranno il più grande evento sportivo e umanitario del 2015.

Per questo, al viaggio oltreoceano, la spedizione laertina si sta preparando con cura: alla trentesima edizione degli Special Olympics nazionali disputati a La Spezia dal 19 al 24 giugno scorsi, il team Osmairm ha lasciato il segno portando a casa tre ori, tre argenti e un bronzo. Pesanti le medaglie d'oro del «portacolori» Battista Pisanelli nel salto in lungo da fermo e di Francesco Leopardi nel lancio della palla, tra le donne spicca sul gradino più alto del podio il «lancio» al femminile di Fiorella La Cara. Due gli argenti centrati da Giuseppe Falcone, secondo nei 50 metri e nel lancio della palla, il terzo l'ha conquistato Anna Cantore, sempre nel lancio-palla; al collo di Maurizio Avito, infine, il bronzo dei 50 metri.

Clemy Pentassuglia, giovane dirigente Osmairm, mette insieme testa e passione: «Nello sport si vince tutti - dice - nello sport ognuno si sente ed è persona». L’handicap, una risorsa: «È una barriera mentale da abbattere ogni giorno, mettendosi in gioco, come ci insegnano i nostri atleti» aggiunge Clemy Pentassuglia, il pensiero già rivolto allo storico «Los Angeles Memorial Coliseum», sede dei Giochi Olimpici del 1932 e del 1984. La spinta: «Forza ragazzi, nei vostri occhi c’è la nostra speranza». La mente e il cuore, appunto.

Un articolo di Francesco Romano.