Il metodo Snoezelen

L’OSMAIRM dispone di quattro stanze dotate di stimolazione multisensoriale secondo il metodo Snoezelen.

Il concetto di Snoezelen è stato definito verso la fine degli anni settanta da due terapisti olandesi, Jan Hulsegge e Al Verheuli. I quali, mentre lavoravano al De Hartenberg Institute in Olanda, un centro per persone con deficit mentali, appresero delle risposte positive che un collega era in grado di suscitare da parte dei suoi pazienti quando erano inseriti in un ambiente sensoriale creato per lo scopo.

Jan Hulsegge e Al Verheuli realizzarono pertanto una tenda sensoriale per testare ulteriormente l’idea.
L’esperimento ebbe un successo notevole, specialmente con pazienti gravi che hanno mostrato positivi feedback verbali e non verbali.

La seguente estate, Hulsegge e Verheul hanno realizzato un'altra unità all'interno del centro. Essi hanno anche dato un nome al concetto: col termine "Snoezelen", una contrazione dei verbi olandesi "snuffelen" (che indica “cercare fuori da" o "esplorare") e "doezelen" (rilassare).

Oggi il sistema SNOEZELEN è utilizzato quotidianamente in diversi ambiti della riabilitazione.

Le stanze SNOEZELEN sono utilizzate come "zona neutra" adatte ad ogni età e a varie disabilità in cui possono stabilirsi relazioni positive lontano dallo stress dei soliti ambienti per trattamenti riabilitativi, ottenendo miglioramenti nell'area delle motivazioni, della concentrazione e della coordinazione.

La stimolazione multisensoriale è stata una delle strategie maggiormente premianti nel campo delle disabilità cognitive, specialmente da quando ne sono stati rilevati gli evidenti vantaggi sia sul piano educativo, che su quello terapeutico e si è sviluppato un grande impiego per il miglioramento della qualità della vita. SNOEZELEN è utilizzato come mezzo di comunicazione non-verbale, per migliorare il rilassamento e per fornire stimoli alle persone che sarebbe impossibile raggiungere altrimenti.

Una ricerca condotta dall'Università di Dundee ha rilevato le applicazioni pratiche dell'approccio terapeutico e educativo SNOEZELEN, rilevando benefici specifici per diverse tipologie di utilizzatori:

  • Persone con disabilità fisiche;

  • Persone con disabilità cognitive;

  • Persone con problemi psichiatrici;

  • Disturbi da Stress Post-Traumatico;

  • Autismo;

  • Controllo del Dolore acuto e cronico;

  • Esiti di ictus e trauma cranico.